Questo sito utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per permettere una migliore esperienza di navigazione. Cliccando ok, continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.



Uno dei giocatori più conosciuti di Milazzo racconta la storia della sua carriera calcistica. Fatta di talento ed emozioni

All’interno la video intervista realizzata da Tart

MILAZZO. Quando a Milazzo si parla di atleti che hanno scritto la storia del calcio, il primo nome che viene subito fuori è quello di Giuseppe Orioles. Lui, cresciuto calcisticamente con un sogno nel cassetto. Quello di essere un giorno protagonista importante della squadra della sua città. Obiettivo che ha raggiunto nel 2011, quando il Milazzo Calcio è sbarcato, grazie anche al suo talento, in Lega Pro (ex Serie C). «Per me – confessa – è stato come raggiungere la mia serie A proprio a Milazzo». Un’emozione che Giuseppe non ha mai dimenticato e che non nasconde neanche adesso che nel campo di calcio del Ciantro racconta la storia della sua carriera.

Il mister amaranto parla della sua esperienza con il tecnico del Napoli utile per la sua formazione. E ai giovani calciatori dice: «Non vi dovete mai abbattere. Il lavoro fatto restituisce sempre qualcosa».

ALL'INTERNO LA VIDEO INTERVISTA realizzata da Angelo Pellegrino e Palum

MILAZZO. Ai microfoni di ComuniCare arriva Roberto Cevoli, allenatore della Reggina Calcio. Mentre alle sue spalle i giocatori amaranto sfidano allo stadio di Milazzo le due squadre mamertine durante il Memorial Marco Salmeri, lui risponde alla nostre domande. Parla del mondo del calcio, della differenza tra i tifosi del Nord e quelli sempre tanto calorosi del Sud e della sua stagione calcistica con la Reggina. Senza dimenticare di dare qualche consiglio ai suoi ragazzi e a tutti i giovani. «Dovete – dice – dare sempre il meglio di voi senza mai abbattervi. Il lavoro fatto restituisce sempre qualcosa».

Il giovane ventiquattrenne ha vinto il suo primo combattimento da professionista. La prima volta che un milazzese conquista questo traguardo

ALL'INTERNO LA VIDEOINTERVISTA

Si chiama Francesco Formica, ha 24 anni, ed è un lottatore di Mma. Uno sport che porta sul ring le “Arti marziali miste”. Francesco nel mese di marzo ha vinto il suo primo combattimento da professionista. Ha trionfato all’evento nazionale “Resolution Fighting Championship 2”. Un traguardo conquistato per la prima volta da un milazzese. Nessuno in città, prima di lui, era riuscito ad arrivare a questi livelli.

La squadra milazzese e il sogno dei play off. Una conquista che arriva grazie al nuovo allenatore

ALL'INTERNO LA VIDEOINTERVISTA

BASKET. Una vittoria dopo l’altra per la prima squadra de Il Minibasket Milazzo allenata da coach Peppe Pirri e che sta giocando nel campionato di Serie D. Un successo che arriva quasi inaspettatamente per i giovani atleti milazzesi ma che, passo dopo passo, ha dato soddisfazione agli amanti di questo sport. «All’inizio – confessa il coach - il nostro obiettivo era di salvarci e di crescere tutti insieme, la maggior parte dei miei atleti sono giovanissimi. E, invece, in questo momento ci troviamo in zona play off». Una grande conquista per Paride Spanò, Christian Italiano, Salvo Saporita, Vincenzo Catanesi Fabio Pirri, Enrico Saija, Mirko De Paoli, Fabio Gitto, Claudio Calivà, Alessandro Ceraolo Alessandro Cuccuru, Francesco Maimone, Davide Labellarte, Haris Genjac, Krsto Miranovic.



IL PROGETTO

il progetto

DALLA REDAZIONE

dalla redazione

STORIE

storie

in città

in città

ZOOM

zoom

SPORT

sport