Questo sito utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per permettere una migliore esperienza di navigazione. Cliccando ok, continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.




La scrittrice siciliana in questa intervista sui generis parla del suo libro “Tutte le volte che ho pianto”, dell’importanza delle lacrime e dei suoi progetti futuri. Sempre con il suo immancabile sorriso sulle labbra

ALL'INTERNO LA VIDEO INTERVISTA realizzata da Pap e Emiliano Favazzo

«Piangete, lasciatevi andare, non rimpiangete mai nulla». Il messaggio che Catena Fiorello lancia tramite il suo libro è forte. Forte e commovente come sono state le sue parole durante la presentazione a Milazzo del suo libro “Tutte le volte che ho pianto”.

Intervistare Catena Fiorello per noi giornalisti di ComuniCare non è stato facile. Ad accoglierla a Palazzo D’Amico c’era un fiume di gente che chiedeva il suo autografo, che voleva parlare con lei che cercava in tutti i modi di scattare foto. Poi la sua idea. “Intervistatemi mentre firmo i libri”. E quello che è venuto fuori è questa intervista simpatica, diretta, spontanea.

Uno dei professionisti più conosciuti dell’hinterland milazzese racconta il suo amore per un mestiere fatto di emozioni.

ALL'INTERNO LA VIDEO INTERVISTA realizzata da Pap e Darren

MILAZZO. «Io non faccio il fotografo, io sono un fotografo». Giovanni Puliafito si presenta così. Senza grandi giri di parole. Diretto e preciso esattamente come sono i suoi scatti. Lui uno dei professionisti più conosciuti dell’hinterland milazzese ha trascorso un pomeriggio con noi redattori di ComuniCare per discutere e svelarci i trucchi del mestiere. Una lezione che abbiamo seguito a Palazzo D’Amico e che ha preceduto un susseguirsi di foto che abbiamo scattato sotto la sua supervisione.

Il vice Presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana e leader del Movimento Cinque Stelle si racconta in questa video intervista. Parla della sua passione per la politica e di come vorrebbe rivoluzionare l’isola. Ripartendo proprio dall’agricoltura

ALL'INTERNO LA VIDEO INTERVISTA realizzata da Cas e Paolo Cazzola

«Sì, vorrei scrivere un libro. Un libro per raccontare come la Sicilia è cambiata in meglio. E il titolo che vorrei dargli è “C’ero anch’io”. Io, insieme a tutti gli altri». L’onorevole Giancarlo Cancelleri non esita neanche un minuto prima di rispondere. “Le piacerebbe scrivere un libro per descrivere la Sicilia di questi anni” è stata l’ultima delle sei domande fatte al vice Presidente dell'Assemblea Regionale Siciliana e leader del Movimento Cinque Stelle dai due giornalisti di ComuniCare. E a tutte Giancarlo Cancelleri ha risposto con lo stesso entusiasmo e la stessa enfasi che caratterizza i suoi interventi.

Sui Colli San Rizzo a Messina si trova uno dei pochi centri di recupero di Fauna Selvatica della Sicilia. Una struttura portata avanti dalle ambientaliste Anna Giordano e Deborah Ricciardi con il supporto di un intraprendente veterinario.

ALL’INTERNO LA VIDEO INTERVISTA REALLIZZATA DA ENZO LAPROVITERA, ANGELO PELLEGRINO E PAOLO CAZZOLA

MESSINA. Ci sono aquile, poiane e gabbiani. Ma anche un’iguana, una volpe e un furetto. Per loro vivere al centro recupero di Fauna Selvatica significa poter riconquistare la libertà. Proprio così. Questa struttura che si trova sui Colli San Rizzo di Messina è nata per questo. Si tratta di un centro che è un vero e proprio ospedale degli animali. Dove ogni giorno vengono accolti e accuditi volatili provenienti da tutta la Sicilia. Per essere curati, riabilitati e poi rimessi in libertà. A volerlo sono state le instancabili ambientaliste Anna Giordano e Deborah Ricciardi.

IL PROGETTO

il progetto

DALLA REDAZIONE

dalla redazione

STORIE

storie

in città

in città

ZOOM

zoom

SPORT

sport