Questo sito utilizza i cookie. Utilizziamo i cookie per permettere una migliore esperienza di navigazione. Cliccando ok, continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.




Per gli auguri di Natale abbiamo intervistato l’avvocato Vincenzo Isgrò che ha trasformato Villa Vaccarino in una piccola città illuminata regalando ai milazzesi un’atmosfera incantevole

Per ComuniCare arriva il primo Natale. Il primo Albero, la prima grande festa religiosa da trascorrere tutti insieme.

Maria Grazia Cucinotta al microfono dei minori della Comunità “Il Delfino”, struttura gestita dalla cooperativa “In cammino”, racconta gli episodi più belli della sua carriera. Ma anche della sua vita

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA ALL'INTERNO, realizzata dal Cas

TAORMINA. Da Massimo Troisi alla sua prima volta al Festival di Venezia. E’ incentrata sui ricordi più belli questa seconda intervista fatta a Maria Grazia Cucinotta. Parla con un pizzico di commozione dei giorni in cui ha girato a Salina il “Postino”, del set, delle scene, del ritorno la sera in albergo. «Tutti momenti indimenticabili – ricorda – come il Festival di Venezia. Quando sono arrivata nessuno mi conosceva. Sono ritornata a casa che ero già “La Cucinotta”, la mia interpretazione era piaciuta e il film era amatissimo». Ma l’attrice messinese nelle sue risposte non dimentica di ringraziare tutti gli attori nazionali e internazionali con cui ha lavorato. Da Renato Scarpa a Philippe Noiret e Woody Allen. «Con loro ho condiviso momenti di lavoro ma soprattutto di vita».

L’attrice messinese racconta la storia della sua carriera e parla del progetto “ComuniCare” della cooperativa “In Cammino”
Tra qualche giorno online una nuova intervista. Dove parlerà del suo ruolo di attrice e di mamma

GUARDA LA VIDEO INTERVISTA ALL'INTERNO, realizzata da Antonella Puleo e Angelo Pellegrino

TAORMINA. «Non bisogna mai smettere di sognare. Ho 50 anni e mi sento sempre una adolescente proprio perché non ho mai smesso di sognare. Non ho mai smesso di ricordare da dove sono partita, un quartiere difficile di Messina con una situazione economica altrettanto difficile. Su di me non avrebbe mai scommesso nessuno. E quindi dico a tutti che il punto dove nasci è un punto di partenza non è un punto di arrivo. Tutti abbiamo la possibilità di dimostrare quanto siamo capaci. Però, ricordatevi, la cosa principale è non smettere mai di sognare». Si capisce subito che Maria Grazia Cucinotta è una sognatrice. Una donna realista ma sognatrice. Basta osservare il suo sorriso, i suoi occhi lucidi, il suo sguardo. E basta ascoltarla mentre traccia, pochi giorni prima del suo cinquantesimo compleanno, la storia della sua carriera.

Da Milazzo a Taormina il racconto di un’esperienza che rappresenta i primi veri passi dei ragazzi nel mondo del giornalismo

TAORMINA. Da Milazzo a Taormina. Dal Palacongressi al Grand Hotel San Pietro. In una caldissima mattina di luglio i giornalisti di ComuniCare hanno vissuto l’emozione della loro prima intervista importante. Quella fatta a Maria Grazia Cucinotta. L’attrice che fino al giorno prima avevano visto solo in Tv e mille volte sui giornali.

IL PROGETTO

il progetto

DALLA REDAZIONE

dalla redazione

STORIE

storie

in città

in città

ZOOM

zoom

SPORT

sport